Ciaspolando sul Monte Antola

La vigilia di Natale sono andato con alcuni amici a ciaspolare (i.e. camminare con le racchette da neve) lungo il crinale che va da Casa del Romano al Monte Antola, la vetta dei Genovesi. Questo percorso non presenta né particolari difficoltà, né grandi dislivelli: è una panoramica passeggiata di un paio d’ore che permette di conquistare la vetta dell’Antola con facilità, godendosi l’ampio panorama sull’Appennino genovese, il Mediterraneo e la Pianura Padana. Il 24 è stato un giorno particolarmente limpido, anche se non si vedeva la Corsica si distinguevano nititdi i profile del Monviso, del Monte Rosa e di tutte le Alpi che ci stanno in mezzo. La pianura sembrava rimpicciolita tanto questi monti si vedevano bene. Al ritorno, dopo il tramonto, il cielo ci ha regalato sfumature incredibili, che andavano saturandosi con il calar della luce fino a trasformarsi nel blu-nero della notte. Su Picasa trovate un album più completo, qui vi propongo una ridottissima selezione.

balda_20081224_9677
Fotofinish presso la vetta
balda_20081224_9735
La nuvole basse che arrivano dal mare riempono le valli a ponente

Ritornando al tramonto
Ritornando al tramonto
L'infinito
L'infinito
La magica luce dopo il tramonto
La magica luce dopo il tramonto

Sfondi per PC in Creative Commons

Ho deciso di offrire alcune delle mie foto giornaliere come sfondi per PC in risoluzione 1280×1024 con licenza Creative Commons 2.5 (attribuzione della mia paternità dell’opera, uso non commerciale, possibilità di modifica ma con distribuzione Creative Commons).

La foto di oggi è stata scattata qualche anno fa sulla vetta dell’Antola. Questo giovane snowboarder stava raggiungendo la cima per poi avventurarsi in un breve (la neve era poca) cross-country freeride. Libertà! Abbasso gli impianti (anche se sono così comodi, sigh!)

Snowboarding, Snow, Antola, Liguria, Summit

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

RIDING GIANTS

Quanto può essere grande un’onda?

Subito vi verrà in mente lo tsunami di qualche anno fa, ma esistono onde non sismiche quasi altrettanto giganti. Si formano lontano dalla costa e difficilmente ne vedrete una. Però ci sono in giro dei pazzi, dei surfisti con le palle grandi come un elefante, fanatici di queste onde, che rischiano la vita per una cavalcata epica. Il video seguente vi mostra un eroe su uno di questi giganti d’acqua.

Se siete rimasti senza respiro e adesso l’adrenalina vi scorre sotto pelle e sentite il rombo dell’onda che si frange dietro le spalle, vuol dire che siete pronti per vedere un documentario sul surf di onde grandi che s’intitola proprio Riding Giants. Oltre all’evoluzione delle imprese sportive, il filmato traccia un’interessante storia del contesto sociale in cui questa disciplina prende forma e si sviluppa. Conoscerete ragazzi spericolati il cui unico sogno era di andare nella costa ovest a cavalcare onde, fottendosene del sistema e della carriera. Scoprirete un posto chiamato Mavericks, subito dietro a San Francisco, dove si formano onde degne delle migliori hawaiane, ma rimasto sconosciuto fino all’inizio degli anni novanta. Gardatevi il documentario, ne vale la pena!