Faces – il ritratto ambientato a Lucca

faces_grande
La mostra principale del LuccaDigitalPhotoFest si chiama Faces ed è dedicata al ritratto ambientato nel XX secolo. Il termine ritratto ambientato è stato coniato negli anni cinquanta per descrivere le fotografie che Arnold Newman a scattato a celebrità come Marilyn Monroe, John F. Kennedy, Jackson Pollock e tanti altri. L’idea consiste nello sfruttare il contesto per meglio definire la personalità e il ruolo sociale del soggetto. Quindi particolare attenzione ai vestiti, ma soprattutto agli oggetti e all’ambientazione: salotto borghese, fucina operaia, pianoforte etc. Ma Newman non è stato il primo fautore di questo stile, anzi esso risale proprio agli albori della fotografia nell’ottocento, quando i nuovi ricchi borghesi volevano farsi ritrarre per affermare lo status sociale recentemente acquisito. Se agli inizi la fotografia di ritratto emulava i dipinti principeschi dell’aristocrazia, i nuovi borghesi spingono verso una descrizione più oggettiva anche se sempre enfatizzante (v. Gisele Freund, “Fotografia e Società” entro Natale recensito per The Zen of Balda).

newman_stravinsky
La mostra esplora numerosi approcci partendo con i ritratti pittorialisti di Steichen, passando per quelli mitizzanti di Curtis agli indiani d’america e quelli catalogatori ai tipi tedeschi di Sander, per sfiorare il ritratto sociale di Dorothea Lange, Paul Strand, e corteggiare il ritratto artistico e agli artisti di Ugo Mulas (wiki) e Andy Warhol, per arrivare alla street photography di Ed Van Der Elsken e i reportage urbani di Fink e Owens, terminando con recenti lavori dell’Est europeo.

sander_pastry
Per ogni fotografo sono state selezionate alcune fotografie rappresentative e l’autore è presentato con una concisa, ma efficace introduzione. Le sale sono accoglienti e le opere ben illuminate, il percorso è cronologico e permette di confrontare stili diversi ma contemporanei.
Perché andarci?
Un buon ritratto fotografico permette di entrare in contatto con l’essenza delle persone, anche se forse è un’essenza selezionata e rifinita dal fotografo. Un buon ritratto ambientato ci restituisce anche il senso di un’epoca, o meglio, di quella parte di società in cui il soggetto si colloca. E allora è come fare un viaggio nel tempo e nello spazio per penetrare in tanti contesti diversi. Se da un lato la mostra si muove cronologicamente dagli inizi del novecento agli inizi del duemila, i fotografi si muovono nello spazio fisico e sociale a loro contemporaneo, offrendoci una visione variegata del XX secolo. Oltre alla scelta del soggetto, i fotografi sfruttano stili differenti per trasportarci nell’esplorazione dell’altro. Visitare questa mostra diventa pertanto un’esperienza a più livelli.

P.S. di Ugo Mulas sono presentate due serie: una su Marcel Duchamp e l’altra su Lucio Fontana, sul quale è in corso una bella mostra al Palazzo Ducale di Genoa. Prossimamente recensione anche di questa.

Lista completa fotografi con link ad Amazon.co.uk:
Edward Steichen
August Sander
Edward Curtis
Ernest Joseph Bellocq
Paul Strand
Dorothea Lange
Arnold Newman
Ugo Mulas
Diane Arbus
Andy Warhol
Larry Clark
Malick Sidibé
Bill Owens
Ed Van Der Elsken
Jitka Hanzlova
Boris Mikhailov
Adam Broomberg & Olivier Chanarin

Dove e quando
Fondazione Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, Lucca (link a Google Maps)
Dalle 10 alle 19 fino al 31 gennaio 2009.
Prezzo: 7 intero, 5 ridotto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s